Facoltà di Comunicazione Istituzionale

Comunicazione Istituzionale

La Facoltà di Comunicazione Sociale Istituzionale, nata nel 1996 all'interno della Pontificia Università della Santa Croce, si propone di formare professionisti in grado di operare nell’ambito della comunicazione presso le istituzioni ecclesiali.

A questo scopo, il programma degli studi offre agli studenti una solida formazione articolata in quattro punti essenziali:

  1. L’approfondimento della natura della comunicazione e degli elementi su cui è basata. In questa sezione vengono proposte materie sui processi di creazione dell’opinione pubblica, sulla struttura delle aziende informative e sul linguaggio proprio dei diversi mezzi di comunicazione (radio, televisione, stampa e mezzi basati sulle nuove tecnologie).
  2. Lo studio dell’ambito culturale nel quale la Chiesa propone il suo messaggio ed incarna la fede in permanente dialogo con le donne e gli uomini di ogni secolo. Qui si indaga sul modo in cui la Chiesa ha sviluppato lungo i secoli il messaggio cristiano facendolo diventare lievito della cultura.
  3. La conoscenza approfondita dei contenuti della fede e dell’identità della Chiesa come istituzione. In questa direzione si offrono materie di natura teologica, filosofica e canonistica.
  4. L’applicazione concreta delle teorie, pratiche e tecniche della comunicazione istituzionale alla Chiesa Cattolica, tenendo conto della sua peculiare identità. Per raggiungere lo scopo, i corsi di quest’area prestano particolare attenzione all’impostazione degli uffici di comunicazione, ai modi di comunicare con i diversi interlocutori della Chiesa e alla presentazione dei contenuti della fede nell’ambito dell’opinione pubblica.

In evidenza

Mercoledì 12 settembre 2018 (ore 15, Aula Alvaro del Portillo), nell'ambito del V Meeting dei giornalisti di Grottammare e in collaborazione con l'Associazione "Giuseppe De Carli", la Facoltà di Comunicazione organizza il Pomeriggio di studio "Umanità aumentata. Quale visione di uomo per l'epoca odierna". In mattinata, la partecipazione all'Udienza generale in Piazza San Pietro con Papa Francesco.

Umanità aumentata. Quale visione di uomo per l'epoca odierna

Una trentina di direttori e responsabili della comunicazione d’istituzioni ecclesiastiche con sede a Roma si sono dati appuntamento all’Università per un primo incontro di lavoro. L’idea è nata dalla collaborazione tra la Facoltà di Comunicazione e l’Ufficio di comunicazione sociale dei salesiani con lo scopo di trovare occasioni di reciproca conoscenza e collaborazione.

Nell’introduzione alla giornata, il consigliere per la comunicazione sociale dei Salesiani don Bosco, Filiberto González Plasencia, ha indicato come il primo compito di un comunicatore cristiano sia in definitiva quello di far vedere Cristo, più che semplicemente ogni istituzione. Da parte sua, il decano della Facoltà di Comunicazione, José María La Porte, ha presentato alcuni indirizzi di ricerca e di studio che potrebbero essere rilevanti per il lavoro degli uffici.

Giovedì 10 maggio 2018, a partire dalle ore 16 nell'Aula Magna "Giovanni Paolo II", si è svolta la terza edizione della Festa dell'Università, nella memoria del Beato Álvaro del Portillo, nostro primo Gran Cancelliere.

Festa dell'Università nella memoria del Beato Álvaro del Portillo

Su iniziativa della Facoltà di Comunicazione, mercoledì 9 maggio 2018 si è svolto un incontro con James Nachtwey, fotoreporter di guerra, sul tema "Una testimonianza della sofferenza umana". 

Per due volte vincitore del World Press Photo, sul suo sito personale accoglie i visitatori con questa frase: "Sono stato un testimone, e queste fotografie sono la mia testimonianza. Gli eventi che ho immortalato non dovrebbero essere dimenticati e non devono ripetersi".

Incontro con James Nachtwey, fotografo di guerra

Pagine

SEGUI LE ATTIVITÀ DELL'UNIVERSITÀ

Newsletter - L'Appuntamento

Resta aggiornato sulle nostre attività e sugli eventi

Iscriviti