Borse di studio

L'Ufficio Consulenza Studenti accoglie le domande presentate dagli studenti ammessi, sacerdoti o seminaristi, ad una delle Facoltà, ne studia l'idoneità e propone i borsisti alle Fondazioni, Associazioni, ecc, che erogano le borse nella misura resa possibile dai donativi ricevuti.
Il sostegno economico, concesso annualmente, aiuta lo studente permettendogli il pagamento delle tasse accademiche e in alcuni casi contribuendo parzialmente alle spese di vitto e alloggio.

La Commissione per l'aiuto allo studio esaminerà le domande pervenute e concederà le borse di studio, ripartendone l'importo tra i candidati, nella misura dei contributi disponibili presenti nel Fondo Borse. L'accoglimento della domanda di borsa di studio così come l'eventuale esito negativo sarà comunicato con lettera indirizzata sia allo studente che al Vescovo. In alcuni casi potrà essere richiesto un colloquio personale con il candidato.

Lo studente può richiedere una borsa di studio unitamente alla richiesta di ammissione entro il 31 marzo dell'anno accademico precedente al corso di frequenza, accompagnando i relativi moduli con una lettera del proprio Vescovo, attestante, oltre le caratteristiche personali del candidato, la situazione di disagio della Diocesi e la conseguente necessità del sussidio.

Lo studente ammesso con borsa di studio dovrà, entro il 31 marzo dell'anno di frequenza:

a) consegnare una lettera di ringraziamento alla Fondazione che sostiene economicamente i suoi studi;
b) qualora avesse necessità di ulteriore sostegno per proseguire gli studi, consegnare una richiesta di rinnovo della borsa di studio per l'anno accademico successivo.

Si precisa che, in alcuni casi, la lettera di ringraziamento potrà essere richiesta dall'Ufficio consulenza studenti con scadenze differenti ovvero anteriori.
Il rinnovo della borsa per un ciclo di studi già iniziato è condizionato al superamento degli esami con soddisfacente profitto nei tempi previsti.
Per mantenere la borsa di studio nel passaggio dal primo ciclio al secondo si richiede che il voto medio minimo sia di 8,6. L'accesso ad una borsa di studio per il ciclo di Dottorato, invece, è condizionato al conseguimento della licenza con il voto minimo di 9,6.