Ti trovi in:  home | Press Office | Rassegna 2006 | 19.01.06
Matrimonio: Mons. Llobell, IndissolubilitÓ Ŕ voluta da Dio

ADNK (CRO) - 19/01/2006 - 18.11.00

MATRIMONIO: MONSIGNOR LLOBELL, INDISSOLUBILITA' E' VOLUTA DA DIO = OGGI IL CONVEGNO 'DIGNITAS CONNUBII' PRESSO UNIVERSITA' ROMANA SANTA CROCE Roma, 19 gen. - (Adnkronos) - ''Riguardo alle implicazioni pastorali relative alla questione dei cattolici divorziati e risposati, e' necessario rispettare la natura delle cose, quella che possiamo chiamare l' 'ecologia processuale'. Il giudice e' tenuto a comprovare, ad avere l'intimo convincimento di aver raggiunto la verita' sul fatto che un matrimonio fu valido o nullo nel momento della celebrazione. La stessa finalita' del processo giudiziale e' di comprovare e dichiarare la verita' e non valutare se sarebbe pastoralmente conveniente che il matrimonio fosse dichiarato nullo per risolvere il problema della non ammissione alla comunione eucaristica dei divorziati rispostati''. Con queste parole Monsignor Joaqui'n Llobell, ordinario di Diritto canonico presso la Santa Croce, ha oggi introdotto la giornata di studio sull'Istruzione 'Dignitas Connubii' organizzata oggi dalla facolta' di Diritto canonico della pontificia universita' della Santa Croce di Roma. ''In caso contrario -ha spiegato Llobell- verrebbe negato che l'indissolubilita' e' un elemento 'naturale', voluto da Dio e sancito da Cristo affinche' la persona umana sia felice sulla terra e ottenga la salvezza eterna. Data la complessita' della materia non puo' sorprendere che i vescovi, che non sempre conoscono bene la finalita' e il metodo dei processi giudiziari di nullita' del matrimonio - ha aggiunto mons. Llobell - possano considerare erroneamente, benche' spinti dal loro buon zelo per le anime, che la missione pastorale dei loro tribunali sia quella di eliminare l'ostacolo che impedisce ai divorziati risposati civilmente di accedere alla comunione eucaristica, vale a dire dichiarare sempre nullo il matrimonio fallito in modo che possano sposarsi una seconda volta davanti alla Chiesa''. (segue) (Alp/Pe/Adnkronos) 19-GEN-06 18:10 NNNN