Centri & Progetti

La Facoltà è impegnata attualmente nei seguenti progetti di ricerca:
 

  • Science, Theology and the Ontological Quest (STOQ)

    In collaborazione con le altre Università pontificie romane, il progetto STOQ cerca di sviluppare un dialogo fruttuoso tra la scienza e la fede attraverso programmi di studio e di ricerca.
    Negli ultimi anni il progetto si è soffermato sulla questione di Dio nella razionalità contemporanea e sul rapporto tra neuroscienze e la filosofia.

  • IFA

    Interdisciplinary Forum on Anthropology (IFA) 

    L'IFA è un’iniziativa promossa dalla Facoltà di Filosofia della Pontificia Università della Santa Croce in collaborazione con docenti di altre università e istituzioni culturali. Si propone di favorire la ricerca e la discussione sulle principali questioni antropologiche, inquadrate in una concezione integrale di persona umana considerata in tutte le sue dimensioni: biologica, psichica, culturale, morale e religiosa. Nella consapevolezza che oggi la riflessione sull’umano non possa prescindere da una prospettiva interdisciplinare, collaborano al Forum studiosi di diversi ambiti delle scienze umane, della filosofia e della teologia.

  • Markets, Culture and Ethics (MCE)

    Realizzato in collaborazione con la Facoltà di Filosofia, si propone di richiamare l’attenzione sull’etica e l’economia, promuovendone uno studio approfondito in una prospettiva interdisciplinare. Lo scopo è di sviluppare l’insegnamento della dottrina sociale della Chiesa, attraverso un programma educativo e culturale che coinvolga il mondo dell’impresa e della finanza.

  • Premio Internazionale di Filosofia Antonio Jannone

    Creato da Mons. A. Jannone (Lauro di Nola,1906 – Roma 2007), e affidato nel 2001 alla Facoltà di Filosofia della Pontificia Università della Santa Croce, il Premio Jannone viene concesso ogni tre anni, come riconoscimento ai meriti accademici nell'ambito del pensiero classico.

  • Gruppo ROR (Ricerche di Ontologia Relazionale)

    La crisi dell'epoca contemporanea è segnata dall’incapacità delle diverse discipline di dialogare tra di loro, incapacità che le rende non significative per la vita concreta dell'uomo di oggi. Sembra quasi che le diverse scienze siano tutte chiamate a fare un passo indietro rispetto alle proprie pretese epistemiche, per ritrovare un logos comune che le rimetta in contatto con la realtà propriamente umana e non solo con dimensioni tecniche o materiali.

    Da diverse parti si converge sulla diagnosi che tale crisi è in primo luogo metafisica. L’assenza di un linguaggio comune sull’essere rende sempre più difficile il dialogo tra specializzazioni diverse. Il paradosso sembra essere che a maggior specializzazione disciplinare corrisponda minor capacità di entrare in relazione con il reale studiato dalle altre discipline. Il ROR nasce dalla convinzione dei sui membri che il superamento di questa crisi non possa consistere in un ritorno ad uno stato premoderno, ma richieda un lavoro ontologico per ampliare la metafisica alla dimensione relazionale. 

Sezione: 

SEGUI LE ATTIVITÀ DELL'UNIVERSITÀ

Newsletter - L'Appuntamento

Resta aggiornato sulle nostre attività e sugli eventi

Iscriviti